Progetto Startup

 

Il tessuto economico del FVG come il resto d’Italia ha bisogno di sostenere l’innovazione dei sistemi industriali e di tenere assieme il mondo della ricerca e dell'industria nella prospettiva di confrontarsi con il mercato globale.

Confindustria Udine per aumentare la competitività e sostenere la crescita delle imprese consolidate intende promuovere la crescita e lo sviluppo di nuove imprese e creare dei canali di contaminazione tra le “nuove” e “vecchie” imprese.

Le nuove idee e i nuovi imprenditori infatti non solo possono portare energia e arricchire il nostro tessuto economico ma possono promuovere l’open innovation nelle imprese associate per favorire l’avvio di percorsi di innovazione.

Per tali ragioni Confindustria Udine intende sostenere l'imprenditoria giovane, promuovere la nascita e la crescita di Startup e più in generale diffondere la cultura imprenditoriale nel mondo accademico e nel territorio del FVG.

Per le startup collaborare, o farsi adottare da un’impresa, può essere un modo per sperimentare la propria idea in un contesto solido e collaudato come quello d’azienda, trovare spazi o usufruire di servizi esistenti, condividere reti e canali commerciali anche internazionali, poter contare su conoscenze e competenze manageriali, nonché su eventuali supporti finanziari.

Contestualmente, per l’impresa consolidata la contaminazione può rappresentare un’opportunità per accelerare l’innovazione, investire in Ricerca e Sviluppo per vie esterne, migliorare prodotti e processi produttivi o diversificare l’attività.

In tale contesto Confindustria Udine ha voluto avviare un progetto dedicato alle Start-up  e spin-off innovative, nonché imprese in fase di avviamento, le quali possono instaurare un rapporto di relazione associativa con Confindustria Udine, a titolo gratuito per la durata di 2 anni, che si sostanzierà in rappresentanza e servizi istituzionali utili per l’avvio e il consolidamento della loro attività.

Vengono prese in considerazione le seguenti tipologie di nuove imprese:

  • start-up innovativa, così come definite dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221 ed iscritte all’apposita sezione speciale del registro delle imprese della CCIAA;
  • impresa in fase di avviamento, impresa avente le caratteristiche di cui alla definizione dell’articolo 22, comma 2, del regolamento (UE) n. 651/2014 e che non siano state costituite per effetto di fusioni e scissioni societarie.
  • start-up dell'Università;
  • aziende insediate e segnalate dagli incubatori certificati.
  • Spin-off dell'Università, che vedono la partecipazione dell'Ateneo alla compagine sociale.